Gita a Mantova

Sabato 7 ottobre

Partenza alle ore 8.30 dal parcheggio di via Croce Rossa in pullman GT

In mattinata visita guidata della città

Pranzo al ristorante Sette Santi

Pomeriggio continuazione della visita guidata

Tempo libero

Rientro per cena

Le iscrizioni si ricevono presso la segreteria della parrocchia (0290733020)
entro venerdì 29 settembre 2017
da LUNEDÌ a VENERDÌ ore 9-12 / 15.30-18 e SABATO ore 9-12

Menu
Riso Ubriacone
Tortello di zucca
al burro e salvia
Lonza al forno
con patate
Crostatina
Acqua e vino
Caffè

Quota di iscrizione
50 €

Calendario settimanale 24 – 30 settembre

Domenica 24 settembre4a dopo il martirio di S. Giovanni il Precursore
S. Messe ore 8.30 – 9.30 (GNIGNANO) – 9.30 (FONTANA) – 11 – 18
FESTA DELL’ORATORIO
Ingresso del nuovo Arcivescovo Mons. Mario Delpini
Lunedì 25 settembreS. Anatalo
Ore 8 – 18 S. Messa
Martedì 26 settembre
Ore 8 – 18 S. Messa
Ore 21.00 Proiezione su Hokusai in OASI
Mercoledì 27 settembreS. Vincenzo de’ Paoli
Ore 8 – 21 S. Messa
Giovedì 28 settembre S. Matteo
Ore 8 – 18 S. Messa
Incontro educatori e adolescenti a Rozzano
Venerdì 29 settembreSs. Michele, Gabriele, Raffaele
Ore 8 – 18 S. Messa
Ore 21.00 Iniziativa fedi in gioco: proiezione e commento
di Slor e Mariam in OASI
Sabato 30 settembreS. Girolamo
Ore 8.00 S. Messa
Dalle 15.30 alle 18.00 Confessioni
Ore 15.30 Ritrovo a Mirasole per pellegrinaggio parrocchiale
Ore 18.00 S. Messa Vigiliare
Ore 21.00 Concerto del gruppo “Buoni motivi” in OASI
Assemblea missionaria diocesana
Ritiro spirituale per 19enni a Seveso

Domenica 1 dicembre è la FESTA della PARROCCHIA

Festa della Parrocchia

Siete tutti invitati

Sabato 30 settembre

Domenica 1 ottobre

Lunedì 2 ottobre

Vi aspettiamo numerosi per trascorrere momenti sereni tutti insieme con le attività proposte dalla parrocchia

tra cui:

Concerti

Giochi in piazza per i bambini

e un pranzo tutti insieme in parrocchia

Domenica 1 ottobre ore 12:30

Menù:

Farfalle con prosciutto di Praga, porri e marsala

Sovracosce di pollo sfumate al vino bianco

Patate al rosmarino

Dolce
Acqua minerale

Le iscrizioni (per il pranzo) si ricevono in segreteria parrocchiale 

entro

martedì 26 settembre

AFFRETTATEVI!

Scarica il volantino per saperne di più

Festa dell’oratorio

Siete TUTTI invitati

domenica 24 settembre

Alla festa dell’oratorio

La giornata incomincerà alle ore 11:00 in oratorio con la Santa Messa e proseguirà con il pranzo aperto ai bambini e alle famiglie.

Nel pomeriggio si svolgerà un torneo di calcio saponato

Per chi invece non volesse partecipare al torneo ci sono giochi curati dagli Animatori

Scarica il volantino per saperne di più su orari e costi

Le iscrizioni sono già aperte

AFFRETTATEVI!

Vi aspettiamo numerosi!

 

Giornata per il Seminario 2017

«Alzati, va’ e non temere!»

Carissimi,
vogliamo vivere la Giornata del Seminario di quest’anno, desiderando rispondere all’invito rivolto da Papa Francesco a tutta la Chiesa in occasione del Sinodo dei Vescovi su “I giovani, la fede e il discernimento vocazionale” indetto per il 2018. Da questo invito il Seminario è provocato a diventare sempre più quello che è stato fin dall’
inizio: luogo di verifica e discernimento per tutti coloro che sono chiamati ad intraprendere la strada del ministero ordinato.

La comunità del Seminario si trova a fare i conti con le sfide connesse all’attuale cambiamento d’epoca; ma le vive senza timore, con grande fiducia in Dio. Non dimentichiamo le parole con cui il Papa stesso, lo scorso 25 marzo, ci ha spronato a “Non temere le sfide perché sono segno di una comunità viva e ci aiutano a far sì che la nostra fede non diventi ideologica” (Francesco, Incontro in Duomo con i sacerdoti i diaconi e i consacrati).
La solidità di una chiamata, soprattutto quella del ministero ordinato, nasce anzitutto dal riconoscere di essere “presi a servizio” da un Altro. Da questo dipende soprattutto la nostra gioia.

Nella stessa occasione Papa Francesco ci ha ricordato che “l’evangelizzazione non è sempre sinonimo di prendere pesci. Bisogna prendere il largo, dare testimonianza e poi è il Signore che prende i pesci: quando, dove e come non ha importanza”. Da questa certezza possiamo riprendere ogni volta, poggiando non sulle nostre forze, ma sulla sua opera in mezzo a noi.

«Alzati, va’ e non temere»: vivere in questa condizione di missione permanente richiede coraggio, audacia, fantasia e voglia di andare oltre, con nel cuore l’umile ma decisa consapevolezza del compito ricevuto: “Andate nelle periferie, andate ai confini a incontrarvi con il Signore, a rinnovare la missione delle origini, alla Galilea del primo incontro, tornate alla Galilea del primo incontro” (Papa Francesco). La storia particolare dei primi discepoli nasce proprio così: obbedendo all’invito del Signore, essi ne sperimentano sempre più l’indefettibile amicizia e imparano a vivere quotidianamente con Lui, a farsi interrogare e guidare dai suoi insegnamenti, a farsi colpire e commuovere dai suoi gesti. Il Seminario da sempre accompagna i giovani che cercano il senso (significato e direzione) della propria vita e si sentono rivolgere la stessa domanda penetrante, rivolta da Gesù ai primi discepoli, : “Che cercate?”.

Alla loro replica “Rabbì dove abiti?”. Il Signore li invita: “Venite e vedrete”. Gesù li chiama a mettersi concretamente in movimento, a cominciare un percorso senza pretendere di conoscerne fin dall’inizio l’esito.
Con rinnovata fiducia la Chiesa Ambrosiana prega, in questa giornata, per il suo Seminario Diocesano e invita alla preghiera per le vocazioni al presbiterato, piena di speranza per il futuro, come ho già ricordato all’inizio dell’anno pastorale: “La nostra esistenza, spesso insidiata da gravi difficoltà, sta dentro il disegno buono del Padre. Anzi, nella sua verità più profonda, consiste proprio nel dialogo tra la libertà del Padre buono e la nostra.

Da questa certezza nasce un modo nuovo di guardare il tempo presente, carico di certa speranza. Questo dialogo avviene nella trama concreta della realtà, affrontata nella certezza che Gesù “salverà il suo popolo” (Mt1,21)”. (Scola, “Maria, speranza e aurora
di salvezza del mondo intero”, pag. 8-9).


ANGELO CARD. SCOLA

Calendario settimanale 17 – 23 settembre

Domenica 17 settembre 3a dopo il martirio di S. Giovanni il Precursore
S. Messe ore 8.30 – 9.30 (GNIGNANO) – 9.30 (FONTANA) – 11 – 18
Giornata diocesana per il Seminario
Lunedì 18 settembreS. Eustorgio I
Ore 8 – 18 S. Messa
Martedì 19 settembre
Ore 8 – 18 S. Messa
alle 9.45 Presbiterio decanale
Mercoledì 20 settembreSs. Andrea Kim, Paolo Chong e compagni
Ore 8 – 21 S. Messa
Giovedì 21 settembreS. Matteo
Ore 8 – 18 S. Messa
Venerdì 22 settembre
Ore 8 – 18 S. Messa
Ore 21.00 Riunione gruppo culturale a Lacchiarella
Ore 21.00 Iniziativa Fedi in gioco: proiezione e commento
di My Australia in Oasi
Sabato 23 settembreS. Pio da Pietrelcina
Ore 8.00 S. Messa
Dalle 15.30 alle 18.00 Confessioni
Ore 18.00 S. Messa Vigiliare

Domenica 24 settembre
è la Festa diocesana di apertura degli oratori

“Gruppo Samuele”: Cammino spirituale per un discernimento vocazionale

Da novembre a giugno un cammino di discernimento vocazionale rivolto ai giovani di età compresa tra i 20 e i 30 anni presso il Centro Pastorale Ambrosiano di Seveso. L’obiettivo di questa iniziativa è quello di aiutare i giovani a fare luce sulla loro vocazione: iscrizioni a partire dal 18 settembre.

Il Gruppo Samuele è un itinerario di discernimento vocazionale della durata di un anno e articolato in otto incontri mensili, di cui due della durata di un’intera giornata. L’obiettivo di questa iniziativa è quello di aiutare i giovani a fare luce sulla loro vocazione.
Mettendosi di fronte a Gesù, senza avere la pretesa di dare una risposta ad ogni loro dubbio, i giovani intraprenderanno un vero e proprio cammino di libertà e di grazia per conformarsi quanto più possibile al Signore, giungendo alla fine del percorso a formulare una scelta di vita temporanea, ma al tempo stesso impegnativa, che esprima sinteticamente i frutti della ricerca vocazionale intrapresa.
L’ascolto dello Spirito, presente e operante nella storia di ciascuno, e quello della Parola profetica saranno fondamentali per compiere questo cammino di discernimento.
I passaggi concreti del discernimento, che costituiranno anche la trama formale di ciascun incontro in cui si articolerà l’itinerario del Gruppo Samuele, sono cinque:

l’esperienza quotidiana come punto di partenza;

l’ascolto della Parola di Dio (lectio);

alcuni comportamenti che introducono una purificazione della vita (purificatio);

la proposta di un «esercizio» lungo il mese (actio);

infine, la disponibilità ad avviare un cammino di direzione spirituale (scrutinio).

In occasione di ogni incontro sarà inoltre previsto un momento di lavoro di gruppo pensato come tempo propizio per scambiarsi i doni spirituali ricevuti e condividere il cammino.
Ai giovani partecipanti al cammino verrà chiesto di scegliersi una guida spirituale (sacerdote o laico); i giovani che non hanno una guida spirituale saranno accompagnati da uno dei membri dell’équipe.

Iscrizioni
A partire dal 18 settembre fino al
30 ottobre 2017 telefonando al Servizio
per i Giovani e l’Università:
0362 647.500.
In occasione dell’iscrizione vengono
fissati data e luogo del colloquio
preliminare con il responsabile del
Gruppo Samuele.

Per una personale Regola di vita: ritiro spirituale 19enni

Una giornata di ritiro spirituale rivolta ai 19enni che consegneranno la Regola di vita durante la Redditio Symboli: verranno date le indicazioni e gli strumenti utili per poter iniziare a discernere quanto il Signore Gesù sta chiedendo loro in questa importante fase della loro vita.

Il ritiro, rivolto a tutti i 19enni, li aiuterà a stendere la personale Regola di vita che consegneranno in occasione della Redditio Symboli. Ciascun 19enne attraverso la Regola orienta la sua vita a partire dal proprio rapporto con il Signore Gesù, attraverso scelte precise e praticabili riguardanti il cammino di fede, il servizio nella comunità cristiana e la testimonianza della sequela nei diversi ambiti di vita quotidiana.

Durante il ritiro verranno dati ai 19enni le indicazioni e gli strumenti utili per poter iniziare a discernere quanto il Signore Gesù sta chiedendo loro in questa importante
fase della loro vita.

Grazie di tutto, card. Scola

Arrivato in terra ambrosiana con una ricca esperienza episcopale alle spalle, il cardinale Angelo Scola si è inserito nella Chiesa di Milano nel solco dei suoi predecessori, costantemente citati nel suo magistero.

Un episcopato relativamente breve, ma intenso di eventi e di circostanze significative. Centrale nel suo magistero appare subito il sostenere il popolo di Dio perché sappia vivere la propria missione in questo “cambiamento di epoca”.

Qui sta il senso del costante richiamo ai quattro pilastri della comunità credente (cfr Atti 2,42-47): perseveranti nell’insegnamento degli apostoli; nella comunione, poiché «abbiamo in comune Cristo stesso»; nello spezzare del pane e nelle preghiere e nella tensione missionaria, per annunciare a tutti la bellezza dell’incontro con Cristo.
Con ciò l’Arcivescovo Angelo ha espresso anche un’attenzione specifica per le diverse forme vocazionali, nell’orizzonte della “vita come vocazione”. Si ricordi l’affermazione della famiglia come soggetto di evangelizzazione, sull’onda dei lavori sinodali. Infatti proprio la famiglia, intreccio originario di affetti, lavoro e riposo, ha la possibilità di mostrare il nesso profondo tra il Vangelo e la cultura, tra la fede e la vita; la cui rottura – secondo le parole del beato Paolo VI – costituisce «il dramma del nostro tempo» (EN 20).
A servire la missione della Chiesa sono chiamati innanzitutto i presbiteri, a cui il cardinale Angelo ha richiamato spesso la dimensione comunionale dell’esercizio del ministero: «essere presi a servizio» ed essere «presbiterio» sono i fattori decisivi per la riforma del clero.

Alla stessa radicalità sono chiamati i consacrati e le consacrate. L’invito è quello di immergersi pienamente nella vita diocesana e di essere, con la stessa forma di vita, profezia di un «nuovo umanesimo». Per questo rinnovamento è essenziale per tutti Educarsi al pensiero di Cristo, immedesimandosi con i sentimenti e con lo sguardo di Gesù su tutta la realtà. Da Lui impariamo quella misericordia che rigenera la vita.
Ma l’elemento più ricorrente nel magistero del cardinale Scola è forse l’indicazione sulla pluriformità nell’unità come dinamica fondamentale del vivere ecclesiale.
Il popolo di Dio è animato costantemente dallo Spirito Santo, che suscita carismi diversi. Doni “gerarchici” e “carismatici” sono coessenziali. Si può far fronte alla missione oggi solo superando «la grave divisione tra pastorale parrocchiale e quella d’ambiente»; cosicché «ogni fedele possa sperimentare una piena ed effettiva appartenenza alla Chiesa in tutti gli ambiti in cui si attua la sua esistenza» (8 settembre 2016).

Associazioni, movimenti e nuove comunità, vita consacrata, sono chiamati a condividere una responsabilità ecclesiale nuova. Questo impegno ha come scopo ultimo la testimonianza. Da qui si possono cogliere in unità tutti gli interventi del Cardinale nei confronti della società, dal riconoscimento del suo carattere “plurale” al suo tratto sempre più “meticcio”, rilevando l’importanza civile del dialogo ecumenico e interreligioso, fino al costante impegno sui temi sociali più scottanti: immigrazioni, profughi, lavoro, economia e finanza, tecnoscienza, giovani e periferie. Come non ricordare a questo proposito i Discorsi alla città e i Dialoghi di vita buona. Questi ultimi hanno insegnato un metodo per l’affronto dei temi della convivenza civile tra persone portartici di culture differenti, ma ugualmente appassionate al bene. Un metodo a cui è
sottesa una “nuova laicità”, che valorizzi il contributo di tutti i soggetti in campo per il bene comune.
Infine, l’episcopato del cardinale Angelo Scola verrà ricordato anche per la visita dei due ultimi Pontefici alle terre ambrosiane. Benedetto XVI per il VII Incontro mondiale delle famiglie e papa Francesco nell’indimenticabile visita dello scorso 25 marzo. Da qui possiamo vedere comporsi, come in un mosaico, un immenso abbraccio formato dal volto dei due Pontefici e dalla gratitudine del popolo.

Grazie di tutto, card. Angelo!

Calendario settimanale 10 – 16 settembre

Domenica 10 settembre2a dopo il martirio di S. Giovanni il Precursore
S. Messe ore 8.30 – 9.30 (GNIGNANO) – 9.30 (FONTANA) – 11 – 18
Incontro diocesano educatori 18/19enni e giovani
Ore 16.00 Battesimi
Lunedì 11 settembreInizio Oratorio feriale
Ore 8 – 18 S. Messa
Ore 21.00 Riunione volontari festa parrocchia e oratorio in OASI
Martedì 12 settembreSS. Nome della B.V. Maria
Ore 8 – 18 S. Messa
Mercoledì 13 settembreS. Giovanni Crisostomo
Ore 8 – 21 S. Messa
Giovedì 14 settembreEsaltazione della S. Croce
Incontro educatori medie e adolescenti a Rozzano
Ore 8 – 18 S. Messa
Venerdì 15 settembreB.V. Maria Addolorata
Ore 8 – 18 S. Messa
Sabato 16 settembreSs. Cornelio e Cipriano
Ore 8.00 S. Messa
Dalle 15.30 alle 18.00 Confessioni
Ore 18.00 S. Messa Vigiliare
Ore 20.30 Inaugurazione nuovo cinema in Oasi

Domenica 17 settembre
è la Giornata diocesana per il seminario

Sono aperte le iscrizioni per il corso fidanzati.
in preparazione al matrimonio cristiano. Il corso inizierà ad ottobre